L’emergenza sanitaria ci obbliga a rimandare.